Pagine

domenica 3 dicembre 2017

Colleghe arpie

Partiamo in medias res, come sempre senza fronzoli. Quando le persone fanno intendere che lavorare in un ambiente totalmente femminile sia simpatico quanto entrare in una gabbia di leoni al momento dello loro spuntino, devo ammettere di aver sempre pensato fossero esagerazioni, delle forzature, come a  voler sottolineare che le donne non riescano a farsi guidare dalla razionalità e dal quieto vivere mai, ma siano sempre pronte a farsi la guerra inutilmente tra di loro, come delle erinni incazzose e mestruate.
Ma no, mi dicevo, la soldarietà femminile esiste, io ci credo. Quando sogno, c'è da dirlo, sogno in grande. La realtà sta mettendo a dura prova le mie convinzioni più gentili e generose: lavoro con delle cazzo di arpie. Tutte, e inequivocabimente, donne che odiano le donne. Ve le presenterò una ad una, questi mirabili esemplari di esseri umani. Vi racconterò di come si sopravvive alla cattiveria, ai giudizi. Vi parlerò di tutto questo coi miei modi soliti, che includono il sarcasmo e l'ironia.
Ah, son sempre precaria, sempre con contrattino pagato malino in cui tocca farsi un gran culino, se ve lo state chiedendo. Ma questa è una storia che ci siamo già raccontati, una realtà che non fatico più ad accettare.

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...