Pagine

martedì 17 novembre 2015

Un urlo di fantozziana memoria

Qualche tempo fa leggevo un articolo sul futuro della comunicazione, sui social media e la loro evoluzione.
In poche parole si sosteneva che i blog fossero ormai spacciati, sorpassati e che l'idea di aprirne uno fosse da scartare a priori. Il contenuto viene veicolato sempre più Facebook, su Twitter, su Instagram, su Youtube e il blog pare storia vecchia. A parte queste riflessioni, già un po' trite e ritrite, c'è altro da dire. Davvero il blog è uno strumento un po' antico, quasi anziano, come lo può essere  un diario cartaceo: sempre più il postare diventa un'attività fine a se stessa, uno sfogo, il grido lontano nei boschi di fantozziana memoria. Una breve frase, o una foto, a volte riescono a rendere meglio un'idea rispetto a mille parole. E poi, cazzo, la comodità: niente sbattimenti nello scrivere, niente sbattimenti nel leggere.
Poi, nella raccolta di spam generata in automatico da blogger ho trovato un commento che non avevo visto, questo:
Un blog è un PESSIMO luogo dove scrivere
E, sempre dello stesso autore, immagino, questo:
Un luogo PESSIMO e PERICOLOSO per un approccio infantile ed eticamente scorretto. Un luogo da bimbi. Non fa bene, tra l'altro. Non fa bene a chi scrive né a chi commenta. Evitare. Se si ha qualcosa di buono è meglio evitare. Saluti.
Non sono in totale disaccordo con te, caro anonimo.
Che un blog abbia i suoi limiti, evidenti, mi pare cosa assodata: se ripassi da qui spiegami il perchè del tuo livore, e di cosa ti ha spinto ad accedere a un detestato blog e di perderci del tempo per scrivere un messaggio. Lo chiedo con interesse, senza retorica. Argomenta un po', dai!
In qualche modo mi sa che qui ci torni...magari mandami una mail.
A proposito di mail, grazie a chi mi ha scritto strambe o simpatiche mail,
a chi l'ha fatto da indirizzi improbabili, e a chi mette una firma alle proprie parole! Ci tengo a ringraziarvi anche qui sopra, che è da qui che siete arrivati!
Che ne sarà dei blog, che ne sarà di questo?
Mah.
I problemi son altri, ma questo già lo sappiamo.


Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...