Pagine

mercoledì 17 giugno 2015

Un giorno anarchico

In questo giorno, in cui divento un po' più vecchia, potrei tirare un bilancio della mia vita, ma, siccome anche il masochismo ha i suoi limiti, decido che oggi sarò spensierata, eviterò derive malinconiche e mi attaccherò a ciò che mi fa stare bene a prescindere: pasticcini e spumante, ad esempio. 
Uscirò anche a comprarmi qualcosa di bello, bypassando l'embargo che mi sono autoimposta (evitare spese inutili), e mi getterò su qualcosa di straordinariamente futile, che bramo da mesi, e va bene così.
E stasera festeggerò con le persone a me care.
Direte: tutte robe normalissime. Eh, ma qua c'è sempre il senso di colpa minaccioso che incombe dietro l'angolo, quindi anche queste cose mi sembrano concessioni magnanime che mi faccio, conquiste di qualcosa che nessuno mi nega, superamento di limiti autoimposti. Una faticaccia che mi concedo, almeno una volta all'anno.
La follia dell'essere umano.

2 commenti:

sognoaustraliano ha detto...

Un po' di spensieratezza ci vuole... auguri! :)

Brioches ha detto...

Grazie cara!!! :-D

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...