Pagine

mercoledì 10 settembre 2014

Il minestrone come scelta

Ieri sera sono stata invitata in pizzeria da una amica che ha appena trovato lavoro e voleva festeggiare.
Mi è toccato togliere la tuta, abbandonare il plaid, ma per una persona che ha passato l'inverno, la primavera e l'estate a tormentarmi col suo cinismo, negatività e pessimismo ma che finalmente sta vedendo la luce, questo e altro. Un giorno, lo prometto, scriverò anche della gente che mi ritrovo a frequentare qui, ma oggi volevo parlare di scelte coraggiose, e non di ignavia. Ma torniamo a noi...
Mentre tracanno la mia birra gelata, al fine di deglutire la pizza più stopposa che abbia mai assaggiato, la famiglia di stranieri al mio lato destro è pronta a ordinare. Diciamocelo pure, dimostro interesse per la nuova vita dell'amica di cui sopra, ma in realtà il mio orecchio è orientato tipo parabola sulle scelte dei vicini: papà tagliolini al pesto, mamma risotto alla milanese, figlio pizza, e bambina minestrone. Fermi tutti: ha detto minestrone.

 Minestrone, l'incubo dei bambini. O perlomeno l'incubo della mia infanzia (asilo dalle suore, obbligo di finire tutto ciò che si aveva nel piatto, ergo pomeriggi passati davanti a un litro brodaglia), e anche della mia vita adulta (madre gourmet presa da infiniti slanci salutisti, obbligo a settimane detox, ergo spuntino di mezzanotte davanti al frigo). Lo so che fa bene, lo so che è buono, lo so che ogni tanto bisogna pure darsi un contegno, ma io di bambini che scelgano il minestrone sinceramente e spassionatamente (e non sotto ricatto-tortura-promesse di ovetti Kinder) non ne ho mai conosciuti.
A parte questo, c'è la questione fondamentale: ma in Italia al ristorante-pizzeria in menù si è mai visto il minestrone? Casa della nonna si. Casa mia si. Ristorante no. Se invece è si, sono disposta a rivedere i pilastri delle mie certezze incrollabili.
Quindi, a noi, perchè tu, bambina bella di 7-8 anni al ristorante italiano mi ordini convinta e felice il minestrone?
1- Sei una cazzutissima salutista e integralista vegetariana
2- Hai già scoperto le proprietà gonfianti (ma assai terapeutiche) del carboidrato e non vuoi rischiare, con previdente lungimiranza
3- I denti ce li hai, li ho visti, ma preferisci non sollecitarli con del cibo da masticare sul serio
4- Ti hanno obbligata i tuoi: ho già il numero del telefono azzurro in mano, fammi un cenno...
5- Sei intollerante al glutine (mi spiace un sacco), alle tagliate di carne, alle insalate, al pesce  e ti puoi nutrire solo di bacche, muschi e minestroni
6- Lo fai per una performance artistica, sei un'avanguardista
8- Ah, sei forse una di quelle giovani(ssime) anziane? Li porti bene i tuoi 80 anni
9- La tua religione Valle degli Orti prevede il consumo quotidiano di verdure ammollo in acqua bollente come rituale purificativo (o anticostipazione)
10- Tua mamma non te lo fa. La vuoi svergognare davanti a tutti. Ti obbliga a panini e merendine, tutti i santi giorni e non ti par vero di mangiare un po' di brodo
Bambina, accetto tutto, ma non dirmi che davvero ti  piace il minestrone. Che hai pensato:"Siii, andiamo al ristorante italiano che me ne mangio un bel piattone"!. Ci sta, tra un po' d'anni, quando ne saprai a padellate di alimentazione: mangerai e sceglierai con cognizione di causa tutto quello che ti nutrirà. Ma ora?
Cioè. Potendo scegliere, in un'età in cui il cibo è solo cibo, è divertente, è buono e mai cattivo, tu in un ristorante italiano prendi la via difficile, quella giusta, impopolare, adulta, anticonformista, e, soprattutto, salutare. E lo fai con gusto.
Bambina, quante cose ho ancora da imparare in fatto di scelte, io.
E quanti anni ho passato a cercare di evitare il minestrone...

9 commenti:

Micol ha detto...

ahahhaha, no vabbè... questo è decisamente nella top ten dei tuoi post!! Ti immagino a "scriverlo" mentalmente mentre l'amica davanti bla bal bla bla...!
ma sei in Germania vero? ti sei sbugiardata con la birra!!

Filippo ha detto...

E invece sì, lo servono anche nelle trappole per turisti stranieri del mio amato laghetto. Insieme all'anello e alla sveglia. Peraltro non vorrei passare per estremista ma se nel minestrone vengono inserite delle patate è tutta fatica sprecata, a quel punto era meglio farsi dare qualche grammo di Brown Sugar che ti fai meno danni.

Brioches ha detto...

@Micol: Ma l'accoppiata birra+pizza è un must ovunque, credo! Non mi dire di no, altrimenti mi cade anche sto mito...
@Filippo: ecco vedi, il minestrone lo servono giusto in posti in cui si attirano allocchi! Non ho la certezza delle patate perchè il minestrone le è stato servito in una coppetta tipo santo Graal (che buffoni)...

Filippo ha detto...

E' un must nei Paesi in cui non è in vigore la pena di morte tramite garrota-Apache per chi accompagna un lievito con un altro lievito.

P.S.
"Scusami bambinadelcazzo, potrei controllare dentro il tuo cazzodiminestrone e non dirmi di no perché okkioalkranio che è il periodo buono per pigliare due smatafloni". Lei avrebbe capito anche perché, come il manuale insegna, "i cinni tedeschi sono più educati di quelli italiani".

Brioches ha detto...

Chissà che ne pensi della birra con la pizza, sento le tue urla arrivare fino a qui...(mi ricordo la prima volta che commentai l tuo blog: mi facesti una lezione sulla pericolosità e scelleratezza nell'abbinamento cappuccino brioche che ancora me la ricordo!)

P.S.
Questa convinzione che io sia in Germania da dove nasce, miei cari commentatori?!

Micol ha detto...

Ma dai, sei in Germania o al massimo in Olanda o Republica Ceca... suvvia dai, svelaci!!
Giuriamo di non venire a trovarti! - un po' come quando io non dico ai parenti che vado al mare in liguria :-)

sognoaustraliano ha detto...

Io fin da piccola ho sempre adorato il minestrone e le verdure.
Eheheheh :)

Filippo ha detto...

Lo ricordo anch'io. Quando alla sera mi corico debbo essere in pace colla mia coscienza circa i miei tentativi di redimere le vostre anime dannate. Me l'ha insegnato un Testimone di Geova durante un allenamento. http://1.bp.blogspot.com/-OtklEIwfexQ/UneNU3zNppI/AAAAAAAAQuw/3U_21h0GqQY/s1600/jehohvah+training+centre.jpg

P.S.
Dal fatto che tutta la gente che incontri si capisce che ha i bambini "molto educati". E' una percezione che si avverte anche se non la scrivi a chiare lettere. Si tuffano nelle vasche idromassaggio, berciano come al Palio di Siena, girano coi piedi lerci e qualcuno li ficca pure in bocca al fratello più piccolo ma sono "molto educati" di default.

Brioches ha detto...

@Micol: Repubblica Ceca? Certo che la fantasia non ti manca!! :-D
@Sognoaustraliano: evidentemente la sapevi già lunga allora!
@Fil: lo so, ogni volta che mangio lieviti mi ento e mi dolgo.

P.S vi svelerò dove vivo (ho le mie buone ragioni per non farlo), prima di chiudere la baracca...intanto mi gusto le vostre teorie!

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...