Pagine

giovedì 4 aprile 2013

Non ne posso fare a meno

Il mio coinquilino dell'est finalmente mi chiede consigli circa la preparazione di un buon piatto di pasta. Non aspettavo altro.
Gli sto col fiato sul collo dall'inizio alla fine della preparazione, visti i precedenti. Insieme, passo dopo passo, ci dilettiamo nella gioia un po' fremente dell'attesa dell'ebollizione dell'acqua, dosiamo accuratamente il sale, gettiamo con entusiasmo la pasta, e la  assaggiamo periodicamente alla ricerca del tempo di cottura perfetto. Direi che ci siamo.
Condiamo con un filo d'olio e una spolverata del suo formaggio preferito, inviatogli dalla famiglia.
Sembra apprezzare. Mi compiaccio. Ma no, è tutta un'illusione.
Perchè a un certo punto, in un modo del tutto inaspettato, si alza da tavola e con tono solenne mi annuncia: "Mi dispiace tanto. Ma non posso farne a meno, non riesco a frenarmi... Devo farlo".  Corre verso la dispensa, prende il pacchetto e inizia a cospargere la sua pasta di zucchero, felice come un bambino. Di fronte a tanta contentezza, sventolo bandiera bianca, depongo l'ascia. Zucchero sia.
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...